Ma sì, lasciamola sola, Carolina Girasole

ISOLA DI CAPO RIZZUTO (KR) – Stanotte bruciata la casa al mare della famiglia del sindaco uscente . Arrivano i primi attestati di solidarietà: nessuno si accorge che l’abbiamo lasciata sola da tempo, ormai?

.

Ma sì, lasciamola sola Carolina Girasole, la “ribelle” di Isola di Capo Rizzuto che ha preteso, per cinque lunghi anni, di riportare la legalità nella sua cittadina affacciata sullo Jonio crotonese, permettendosi di relegare al passato clientelismi di ogni genere, cattiva gestione amministrativa, e diventando un simbolo della lotta alla ’ndrangheta in tutto il territorio nazionale. Lasciamola sola. Tanto ormai è abituata.

Ha iniziato a lasciarla sola, a fine dello scorso anno, il Pd, il suo partito di riferimento, quando, dopo averla sballottata come simbolo costante in ogni dove, invitandola a mega raduni, chiedendole filmati da proiettare persino in piazza San Carlo a Torino, davanti agli occhi commossi dell’allora segretario di partito Bersani, dopo averla trascinata nel tritacarne mediatico insieme a altre donne-sindaco-simbolo della Calabria-che-si-ribella (a lei persino El Pais ha dedicato un lungo articolo-intervista), ha lasciato la palla ai luogotenenti locali, che si sono ben guardati dall’inserirla, con le sue colleghe in prima linea e non intimidite dalle intimidazioni, nella lista dei “nominati” al sacro Parlamento, preferendo giocarsi le proprie personalissime carte lontani dalle trincee.

Era stato un primo campanello di allarme, che l’allora sindaco di Isola aveva sentito suonare tetro, e molto forte. Poi, a febbraio, era arrivata la richiesta di un impegno diretto con l’allora Presidente del Consiglio Monti, la sofferta candidatura in Scelta Civica, che in Calabria non era riuscita a eleggere deputati. Il secondo campanello ha suonato poco più di un mese fa, quando l’assenza totale di input da parte del Pd rimarcava un’altra presa di distanza. Carolina aveva pensato a lungo se fosse il caso di ricandidarsi. I cinque anni trascorsi a raccogliere i cocci e costruire qualcosa di nuovo per Isola erano lì, solidi, con tutti i risultati raggiunti, a dirle che doveva andare avanti.

Il Pd ha deciso di non far comparire il proprio simbolo nelle amministrative appena terminate. Molti esponenti “democratici” locali si sono uniti in liste civiche a sostegno di un altro ex sindaco, Milone. È arrivato secondo, non è riuscito a trascinare al ballottaggio il trentaduenne Gianluca Bruno, imprenditore nel ramo pacchi e spedizioni, eletto sindaco nelle liste del centro destra. In sedici si sono raccolti intorno a lei. Hanno riempito le piazze di Isola per far sapere cosa era stato fatto, cosa avrebbero continuato a fare. Ma fare a volte non è importante. Non basta.

Niccolò Zancan, dalle pagine della Stampa, racconta la festa per la sconfitta di Carolina: “Nei bar non ti danno tregua. Offrono cornetti e brindano: «Ce ne siamo liberati! Evviva! Quella si credeva la paladina della giustizia, ma ha detto soltanto falsità. Qui si sta benissimo, altroché mafiosi. Dovete scriverlo: da cinque anni non c’è un morto ammazzato. Mentre quella ha ucciso il turismo a forza di parlare di ’ndrangheta. Ha infangato tutto il paese. Voleva fare carriera sulla pelle nostra»”.

CarolinaPPUna carriera infuocata, quella di Carolina. Negli anni passati le hanno incendiato più volte la macchina, hanno cercato di bruciare la casa al mare, raccontando che si trattava di una villa abusiva costruita grazie a suoi “intrallazzi” amministrativi. Ma sono ordinaria amministrazione, i fuochi: a Isola anche durante quest’ultima campagna elettorale non sono mancate intimidazioni. Non hanno digerito quel suo andare dritta al nocciolo del problema, quella sua limpidezza con cui ha portato Libera e don Ciotti su terreni confiscati, cercando di ricostruire quello che era stato distrutto. Hanno deciso di alzare il venticello della calunnia, di insinuare che no, a Isola la ’ndrangheta non esiste, che era lei a raccontarla per farsi pubblicità. Sono arrivati a contraddire le loro stesse affermazioni speculando sul cognome pesante del cognato, che nessuno si è curato ricordare non aver mai avuto a che fare con la giustizia.

Infine, com’era ovvio, non l’hanno votata. Ma ciò che è terribile è che sono riusciti a non farla votare, se non da un coraggioso 15% di isolitani che hanno deciso di guardare in faccia la realtà, e non le favole. Ci diciamo sempre che “loro” non sono più forti, perché numericamente inferiori. È vero?

I cornetti, però, non bastano per festeggiare. Ci vuole un segnale forte, deve aver pensato qualcuno. Affinché capisca quanto forte è la sua sconfitta. Quanto forti siamo noi.

O forse, visto che dal terrazzo di quella casa di Capo Rizzuto ci si continua a innamorare delle sue bellezze, nonostante tutto, hanno voluto evitare che Carolina possa continuare a far prevalere il proprio amore per Isola anziché la rabbia per tutto quello che la sua famiglia è stata costretta a subire in questi cinque lunghi anni. Hanno preso di mira la casa di Rosario Pugliese che decenni fa, con la moglie, ha deciso di costruire un luogo in cui continuare, d’estate, a godere dei figli e del mare. Un piccolo giardino, due piani divisi in piccoli appartamenti estivi (due camere da letto, un soggiorno living con angolo cottura, un bagno), un patio in cui trovarsi a pranzo e cena tutti insieme. Al piano terra l’appartamento dei suoceri di Carolina e della loro figlia Antonia. Sopra, quello del figlio Francesco, marito di Carolina.

Se ti fermavi a parlare con Franco, fino a ieri, ti raccontava, illuminandosi di una gioia infantile, dei suoi ricordi di ragazzo. Del legame che ha con quel posto del cuore, dove un tempo si trovava con i suoi amici e gli amici delle sorelle e del fratello, ora ci sono gli amici delle figlie e dei nipoti. Un luogo solido, un luogo dove respirare lo stare insieme che i suoi genitori hanno fatto diventare punto di riferimento di ogni estate.

Stamattina il padre ha mandato un imbianchino: l’estate bussa, l’inverno aveva lasciato qualche traccia da rimettere a posto. È stato proprio il muratore a scoprire che questa notte qualcuno ha versato liquidi infiammabili sotto le porte dei due appartamenti al primo piano, bruciando tutto quello che poteva bruciare.

Ma sì. Lasciamola sola, Carolina. Ha perso, ha perso due volte in pochi mesi, come alcuni quotidiani locali sottolineano con costanza quasi maniacale. Ha perso anche la casa per le vacanze estive. In fondo non era neppure sua.

Lasciamola sola, Carolina. Facciamo finta di non sapere che con quelle fiamme, stanotte, non sono stati bruciati solo i ricordi di due splendidi anziani, né la speranza che vivere onestamente sia l’unica soluzione possibile, né l’idea che una sconfitta politica non possa essere il frutto di odio personale. Facciamo finta di non sapere che quelle fiamme hanno bruciato un’altra possibilità di riscatto di ogni isolitano, di ogni calabrese, di ogni italiano. Tanto, in fondo, non è casa nostra. E la ’ndrangheta non esiste. Là.

PS: nel tardo pomeriggio è arrivata l’agenzia stampa con cui i parlamentari calabresi del Pd comunicano di aver chiesto al Ministero dell’Interno un’azione a tutela di Carolina Girasole. Voglio ringraziarli tutti, uno per uno: non è mai troppo tardi.

[scirocconews – ripreso da Liberainformazione e Articolo21]

Annunci

2 thoughts on “Ma sì, lasciamola sola, Carolina Girasole

  1. Pingback: Un ribelle Girasole Isola-no | paola bottero

  2. a mio avviso se 4 assessori, un Sindaco, ed alcuni consiglieri di maggioranza uscenti si ricandidano e prendono solo il 15 % ed anche meno vuol dire che non hanno amministrato bene anzi hanno amministrato da schifo e non hanno fatto un bel niente di costruttivo per Isola di Capo Rizzuto , il resto sono solo delle sue rispettabilissime opinioni che non rispecchiano la realtà specie quando scrive “Ma ciò che è terribile è che sono riusciti a non farla votare” a dir poco vergognoso. saluti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...